50 anni di Nutella

Nanni-Moretti-NutellaE dire che era nata come prodotto povero, sintesi geniale della rinomata arte di arrangiarsi italica: eravamo nel dopoguerra, c’era scarsità di zucchero e cacao così un oscuro pasticcere di Alba decise di sopperire con le nocciole, a disposizione in Piemonte anche nel giardino di casa…

Oggi nell’epoca della globalizzazione la Nutella è definita marchio di valore mondiale perché mangiata, o, è il caso di dirlo, consumata anche a colpi di golosi polpastrelli in tutti i 5 Continenti. Al centro delle feste a sorpresa, magari spalmata su un letto di pizza bianca per sfruttare il contrasto dolce/salato, ma anche nel panino che i bimbi dell’asilo si ritrovano in fondo allo zainetto, con l’avvertenza, spesso disattesa, di non macchiare libri e quaderni, fino all’apoteosi dello spuntino notturno di sapore tutto clandestino come insegna il Nanni Moretti di Bianca.

E’ insomma il caso di un marchio che diventa parte di vita, cui ci si affeziona, e che quindi travalica l’ambito commerciale per finire nel territorio del costume, dei concetti e, forse, esagerando un po’, anche dei simboli.

E poi guai a chi prova a parlarne male. Tempo e fiato sprecato. Ci hanno provato i consumatori tedeschi tre anni fa accusando la Ferrero di non dire la verità sull’etichetta. Be’, sapete come è andata a finire? Oggi la Germania è il primo paese consumatore al Mondo, arresasi per l’ennesima volta alla creatività italiana: neanche fossimo su un campo di calcio…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...