Il trapassato remoto che non usa più nessuno

Una difesa da condividere, per una battaglia incruenta, forse già persa prima di disputarla, eppure indispensabile in un’epoca che come si legge nel pezzo che qui viene ribloggato, “sostituisce” elementi del discorso ” con altri che semplicemente ” e in modo vago e superficiale “rendono l’idea, senza troppe complicazioni”. Ecco, noi dobbiamo stare dalla parte delle complicazioni, perché nella vita c’è sempre un di più da considerare e, se possibile, da esprimere perché altrimenti si perde. Anche al trapassato!!

Roberto Cotroneo

Il trapassato remoto è un tempo verbale che non usa più nessuno. Resta ai letterati, quelli molto colti, e suona anche un po’ strano. In molti mi guarderebbero con aria strana se dicessi: dopo che Giulia ebbe sceso le scale, uscì dal portone trafelata. Eppure questo è un italiano colto e corretto. Da anni sento i lamenti sulla perdita del congiuntivo. Ma non sento mai note dolenti sulla fine del trapassato remoto. Sostituito da tempi verbali al passato che all’incirca rendono l’idea, senza troppe complicazioni.

Ma in realtà il trapassato remoto è un modo di pensare la storia, ed è un modo di capire il tempo. Non è la stessa cosa dire: ebbi cantato piuttosto che cantai. Perché tra i due tempi c’è una linea di separazione. Un qualcosa di avvenuto e di concluso, una sistemazione del disordine della vita. Usare il trapassato remoto è un modo per archiviare davvero…

View original post 535 altre parole

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...