Seamus Heaney: una penna che scava nel profondo

HeaneyA due mesi esatti dalla sua morte, una delle prime poesie di Seamus Heaney, Digging, sicuramente una di quelle che meglio chiarisce il senso della scrittura, legato alla terra, agli umori del suolo e dell’anima, uno strumento che senza retoriche si indirizza implacabile e quieto verso il nocciolo della coscienza. Come un lavoro di generazioni, con la stessa sudata dignità e la stessa concretezza

Quatta quatta con il colpo in canna
Fra medio e pollice sta la penna.
Sotto la finestra un raspo netto all’internarsi
Della vanga nel terreno ghiaioso:
È mio padre che dissoda. Guardo in basso,
Finché sotto sforzo, a groppa curva
Sulle aiuole, torna venti anni indietro
Piegandosi a tempo per i solchi
Di patate che vangava.
A posto sul vangile lo scarpone,
Saldo fulcro del manico il ginocchio,
Cavava gambi, ficcava a fondo la lucente lama
Per spargere patate nuove che noi raccattavamo
Adorandone fresca la durezza nella mano.
Per Dio, il vecchio ci sapeva fare
Con la vanga. Come il suo vecchio.

Mio nonno in una giornata tagliava più torba
Di chiunque altro nella torbiera di Toner.
Una volta gli portai il latte in una bottiglia
Sciattamente turata con la carta.
Si raddrizzò per bere e subito riprese
Con cura a fare tacche e fette, spalandosi le zolle
Dietro le spalle, sempre più a fondo
A cercare quella buona. Scavando.
Il freddo afrore di terriccio di patate, risucchio e stacco
Da torba in guazzo, secco taglio della lama
Nelle radici vive, mi si risvegliano in testa.
Ma non ho vanga per seguire uomini come loro.
Fra medio e pollice
Quatta quatta sta la penna.
Sarà la mia vanga.

La versione italiana, perfetta e smagliante, è di Roberto Mussapi

Annunci

2 pensieri su “Seamus Heaney: una penna che scava nel profondo

  1. C’è in questi versi una suggestione quasi arcaica. Dallo strumento “penna” il poeta inizia un viaggio attraverso il faticoso operare di padre e nonno che con gesti antichi lavorano la terra. E sembra quasi che il lavoro del poeta da quelle dure fatiche provenga…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...