Fiera di Francoforte/2: Per l’editoria sono ‘anni di fondazione’

a04n1cul-1“Gli standard tecnologici condizionano in profondità il modo in cui leggiamo e organizziamo la conoscenza, siano essi sitsemi di calcolo o algoritmi di ricerca. In ogni caso dominano le vie di accesso al patrimonio spirituale dell’uomo”. Lo ha affermato Juergen Boos (nella foto), direttore della Fiera di Francoforte, in occasione dell’apertura del massimo evento editoriale mondiale. Un fenomeno che va affrontato, ha aggiunto “in modo da preservare le varietà del mondo editoriale e della lettura.

“Sono strumenti che vanno orientati verso l’uomo e i suoi bisogni” – ha spiegato  mettendo in guardia dallo “strapotere degli oligopoli che non solo si sono impadroniti degli aspetti commerciali del mercato  ma ne determinano anche i prodotti finiti in modo da avere il cliente sempre in pugno”.

C’è però spazio per una risposta del mondo editoriale, ha osservato Boos, che non si lascia “bloccare dalla paura”, ma “reagisce con l’innovazione”, dimostrando un vero e proprio “spirito di fondazione”. Lo si vede nel modo in cui le “librerie vanno organizzando i propri assortimenti”, sviluppandosi in veri e propri “conceptstores”, “tematicamente organizzati e nel fenomeno del self-publishing che nella Fiera di quest’anno ha conquistato un proprio spazio autonomo in cui vengono organizzati ben 50 eventi”.

“La lettura – ha concluso – è oramai sociale, è diventata parte dei discorsi, integrata nella vita di tutti i giorni”

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...