Dal cuore dell’Europa. Il 14 aprile in Lussemburgo…

lussemburgo_rd755.T0Con questo testo, Elisa Cutulle’, redattrice di Radio Ara, con sede nel Lussemburgo, inizia a raccontarci storie e a illustrare avvenimenti dal cuore dell’Europa. 

C’era una volta un paese in cui tutti pagavano regolarmente le tasse… Una realtà o un’utopia? Sicuramente la seconda opzione considerando che la frode e l’evasione fiscale è ormai all’ordine del giorno. Nel mese di Aprile un padre di famiglia aveva tentato di portare “oltrefrontiera” dall’Italia in Svizzera, un paio di lingotti d’oro.

Negli Stati Uniti i conti esentasse si trovano di norma nelle isole Cayman, In Europa il corrispettivo erano la Svizzera e il Lussemburgo. Non considero l’offerta della cittadinanza russa a Gerard Depardieu che si era rifiutato di pagare le tasse in Francia e che ha accettato molto volentieri l’offerta di Putin di trasferire la sua cittadinanza in Russia per ottenere condizioni più accettabili. Questa “transazione”, se così si vuole definirla, è avvenuta alla luce del sole e con il pieno supporto dei media. Nulla è stato fatto di nascosto.  Quando invece si trasferisce il denaro su un conto all’estero, rimanendo sempre residente nel proprio paese di cittadinanza o di residenza fiscale, allora entra in gioco l’evasione. Negli Anni 90 i conti in Svizzera erano uno degli Status symbol per eccellenza: grazie al segreto bancario nessuno doveva riuscire a sapere cosa si aveva sul conto. Si evitavano tasse, sia sul capitale che sugli interessi. Ora, dopo la Svizzera, sta per capitolare anche il Lussemburgo, altra roccaforte dei conti all’estero. Luc Frieden, Ministro delle finanze lussemburghesi, ha comunicato la scorsa settimana che  il Lussemburgo intende collaborare con gli organismi statali di finanza internazionali provvedendo , se richieste le relative informazioni, perché il Lussemburgo “non vuole più essere l’isola felice degli evasori fiscali”. Affermazione rischiosa per un piccolo stato che basa (quasi) tutta la sua economia sulle banche.  Rischio o decisione ponderata. Ancora troppo presto per dirlo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...