Questo a Laki lo devo

il cane Lakidi Elena Tamborrino

Andammo a prenderlo un pomeriggio di febbraio di undici anni fa. Faceva parte di una cucciolata piuttosto variopinta, nata il 17 dicembre del 2001, in mezzo alla neve, fatto eccezionale da queste parti. Ti chiedevi come fosse stato possibile che una mamma cane avesse partorito sette o otto cuccioli quasi tutti diversi, miscugli di chissà quali accoppiamenti disinvolti. Lui somigliava a sua madre, erano almeno tre che le somigliavano: bianchi con qualche chiazza nera, una femmina completamente bianca, tutti con lo stesso musetto e lo stesso sguardo.

Fu subito Laki, lo mettemmo in un cartone, nel portabagagli della macchina, e lo portammo a casa, totalmente inesperti di come si trattasse un cane che entrava a far parte della famiglia. In realtà fu facile abituarsi a lui. Sedeva eretto, con una regalità che era quasi buffa, come se volesse fare il grande, darsi un tono. Negli anni è cresciuto e ha cambiato il suo modo di stare con noi e con gli altri: correva felice nelle campagne circostanti la casa dove trascorrevamo le vacanze estive, ci veniva incontro appena ci vedeva, scodinzolava grato quando lo portavi a spasso.
Può essere mai che un cane sorrida? E perché no? Secondo me, secondo noi, Laki sorrideva. Non era una smorfia del muso, non meglio identificata: allargava e stirava fino alle orecchie le… labbra? Non so, direi labbra, se i cani le hanno. Comunque, le distendeva in qualcosa che era sicuramente un sorriso, anche perché gli ridevano gli occhi. E non ditemi che non è possibile, che era un’impressione, perché era proprio così, invece. Sorrideva e rideva.

Ultimamente di meno, non so se perché già cominciava a non stare bene, o perché aveva avvertito che in casa era arrivato Pepe, il gatto-batuffolo di pochi mesi, che, letteralmente piovuto in giardino, lanciato da chissà chi oltre la siepe, si è insediato in casa da più di un anno. Non so se Laki avesse la percezione che il nostro affetto lo doveva dividere con il micio, diventato subito una specie di principino. Mi piace pensare che no, che non gli interessava che il nostro amore potesse essere diviso tra lui e Pepe: a lui importava solo manifestarci incondizionatamente il suo amore, quanto e come lo ricambiassimo, poca importanza aveva.

Di una persona puoi innamorarti e puoi pensare di poterla amare per sempre, anche se lei non prova gli stessi sentimenti nei tuoi riguardi. “Il mio amore basta per due, ti amo anche se non mi ami, mi amerai prima o poi”: sì, va bene per un po’. Poi ti stanchi di non essere contraccambiato e il tuo amore muta, fino ad ammutolirsi. Un cane ti ama e basta, non pone condizioni, non pretende che tu lo ricambi, tutto dona e nulla chiede.

Laki se n’è andato silenziosamente e dignitosamente, guardandoci con quegli occhi grandi che sembravano dire “Scusate se vi do questo fastidio”.

 

Dormi, sei stato un grande cane
adesso dormi, hai fatto tutto bene:
ora è il turno mio, resto sveglio io
.
(Roberto Vecchioni, Paco)

Annunci

7 pensieri su “Questo a Laki lo devo

    • So che per chi ha animali in casa, soprattutto cani e gatti, è come avere un altro figlio, un compagno. Qui lo confesso: io ho paura degli animali, ma sto facendo di tutto per superarla…ci riuscirò prima che giunga “la mia sera”. E comprendo pienamente il dolore per la perdita di un amico a quattro zampe.

      • mio zio diceva prender con sé un animale è “un dolore comprato” alludendo proprio allo strazio della perdita, ma credo che le tante gioie donate nella vita siano superiori e forse un viatico per sopportare meglio l’assenza proprio rievocandole, che ne dite?

  1. Ogni amore autentico, ogni amicizia, è un “dolore comprato”. Ma non rinuncerei per nulla al mondo neanche allo strazio della perdita, che sarebbe testimonianza di un legame, di una vita autentica. Preferisco questo all’assenza livida di amore.

  2. La tua “questo a Laki lo devo” rievoca in me le stesse emozini che mi portarono a scrivere il piccolo libro che scrissi a mia figlia per la sua nascita.
    Vale senz’altro la pena vivere questa immensa perdita, piuttosto che rinunciare aprori all`amore stupendamente vissuto in quei ben piu importanti 11 anni.
    Bella e vera.

  3. In tanti ci siamo comprati quel dolore; e leggendo quello che ha scritto elena, credo che ognuno di noi abbia sentito un groppo in gola, un po’ per il racconto così semplice e struggente e un pò per il “nostro” laky, perso anche tanto tempo fa, magari, ma rimasto sempre nel nostro cuore..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...