Come inizia “La mancanza di gusto”

Per gentile concessione dell’editore 66thand2nd pubblichiamo il primo capitolo del romanzo d’esordio di Caroline Lunoir. La scrittrice parigina parteciperà alla quarta edizione del Festival della narrativa francese, organizzato dal Centre Saint Louis de France dal 27 febbraio all’8 marzo in 15 città con la partecipazione di 16 autori di Caroline Lunoir L’inizio delle vacanze echeggia nella stazione e…

Ricordando Wolfgang Sawallisch

Dall’alto della collina, il lago sembra un’appendice del cielo insolitamente azzurro per queste latitudini. La linea dell’orizzonte è invisibile e forse anche per questo lo sguardo si arresta prima e si sofferma spontaneamente  sugli agglomerati di case, ordinati e compunti, aiuole quasi di un giardino dove il verde è addomesticato da una cura assidua e…

Così comincia l’Amore girato

Una pagina del nuovo romanzo inedito di Elvio Calderoni. Ancora una volta come per Volfango, il suo ultimo lavoro pubblicato da Miraggi, si inizia con la suggestione del blu… ma ovviamente c’è molto, molto altro. Perché quanto segue è solo un assaggio…per fare conoscenza ( e attendere con impazienza il resto) di Elvio Calderoni Il silenzio di Santa Maria in Montesanto, appena si chiude…

Marta e Luigi

di Paolo Marcacci Marta e Luigi, sessantaquattro anni in due, divisi quasi equamente: trentatré lui, trentuno lei, piercing sul nasino all’insù e capelli rosso mogano scompigliati ad arte, corti ma non proprio a spazzola. Luigi cranio rasato lucido, una “mosca” di pizzetto sotto il labbro inferiore. L’ha fatta crescere perché a lei piace. Le piacciono…

I custodi della sala d’aspetto

di Cetta De Luca Una panchina vuota di una sala d’aspetto. In una stazione di periferia. Eppure per mesi ogni giorno qualcuno c’era, qualcuno annoverato tra gli intoccabili, gli invisibili, i reietti.  Io non prendo il treno sempre alla stessa ora. A volte di mattina, a volte dopo pranzo e poi il ritorno. Di pomeriggio…

La cucina

di Diego Vitali Ho sempre considerato la cucina il posto migliore per affrontare il dolore. Mi piace stare qui. In questa come in tutte le cucine in cui io sia mai stato, nelle case in cui ho vissuto. Mi sono piaciute tutte. Anche quelle piccole e asfittiche e buie. O quelle luminose, ma senza tavolo…